Letteratura (31)

No TAV, per favore Featured

Letterato ermetico, Erri De Luca. Le sue parole, lievi, sono puntuali macigni. Lampi che squarciano la notte, quella nella quale abbiamo deciso di voler vivere. Con due eccezioni, nella fattispecie: il re dei camosci e l’assassino di sua madre, protagonisti muti de Il peso della farfalla (Feltrinelli, ovviamente). Entrambi non sono abituati a relazionarsi con il prossimo, ma solo con il mondo che li circonda. La vita ha imposto loro di crescere da soli. E così han fatto. Sono diventati forti. Il primo è il dominatore incontrastato dei branchi di camosci dolomitici: divenne re in un giorno, al suo primo duello. Anche il cacciatore era il primatista assoluto della sua categoria: alpinista, riusciva ad arrivare dove nessun altro dei suoi colleghi, ma nemmeno i bracconieri, osavano pensare. Le loro storie viaggiarono parallele per molti anni: il primo mantenne lo scettro del proprio impero senza nemmeno dover combattere un duello; il cacciatore centrò, al primo colpo, con la sua 300 magnum e la pallottola da undici grammi, oltre trecento camosci. Nessuno come lui, con quella precisione, con quella media.

Leggi tutto...

Il fascino, inspiegabile, del Crepuscolo Featured

di Marta De Sandre

Conosco poche persone che non sbaglierebbero mai a regalarmi o consigliarmi un libro; di un paio di queste mi fido più che di me stessa perché io spesso compro delle schifezze che abbandono a pagina sedici, mentre i loro libri mi sono sempre piaciuti. Così mi è arrivato questo libro, Crepuscolo, di Kent Haruf, autore a me sconosciuto, ma che scopro essere famoso. Poco male: più cose ignoro e più ne avrò da scoprire. Siamo in Colorado, nell'immaginaria cittadina di Holt. La provincia americana fa da sfondo alle vite di alcune persone che si sfiorano, si incrociano, si lasciano e si riprendono come ballerini tra i vortici di polvere che ricordano la gonna di Jenny.

Leggi tutto...

Mattidallegare Featured

Come ci si può sdebitare nei confronti dei genitori? Basta una carezza – loro capiscono, eccome -; un sorriso, una parola. Ma anche quando la vita ci offre l’onerosa opportunità di ricambiare, con i genitori che decidono di invecchiare con paziente inesorabilità, a volte, si sente il dovere di fare altro. Olga Agostini, architetto impiegata al Comune di Pistoia, ha scelto di dare alle stampe questi sette racconti – e una settimana di ricette, una al dì -, Mattidallegare, per dire e scrivere come Monica, questo il suo nome trascritto sul piccolo volume edito da Porto Seguro, sia diventata esattamente quella che loro desideravano diventasse.

Leggi tutto...

Cartongesso, un Veneto al tramonto Featured

di Marta De Sandre

Qualche giorno fa, nel lasso di tempo che ci vuole a finire due birre medie (che dalle mie parti è davvero un periodo brevissimo), mi sono ritrovata a parlare di libri con una persona che, salutandomi, mi ha detto: leggi Cartongesso, biascicando qualcosa su Céline che non ho ben capito. Scaricato sul kindle al costo delle due birre che mi aveva offerto, per cui praticamente gratis, l'ho divorato come da tempo non mi capitava. Non serve essere veneti per capire che la storia del “magico operoso nord-est” è reale quanto il regno di Gondor, ma che qualcuno, come Francesco Maino, lo facesse in questo modo, ovvero in Céline-style, senza remissione, senza paura, senza speranza, cinico, rancoroso, sarcastico e caustico è una cosa che sconquassa parecchio.

Leggi tutto...
Subscribe to this RSS feed

Meglio Meno - Direttore responsabile Luigi Scardigli luigi.scardigli@gmail.com
Registrazione 9-2015 del 19 novembre 2015 presso il tribunale di Pistoia.